Il manifesto

1

Una casa per gli autori, una casa degli autori
I nostri libri verranno selezionati e tradotti, editati e corretti, impaginati e promossi esclusivamente da autori.

2

Pubblicare è come fare l’amore: è commovente solo se è gratis.
Gli autori non dovranno mai pagare per essere pubblicati dalle edizioni Autori Riuniti.

3

Un libro che piace a tutti è solo ovvietà in formato tascabile
Ogni libro, anche qualora fosse di un autore già membro della Autori Riuniti, sarà sottoposto al vaglio insindacabile del comitato di lettura. Il comitato deciderà a maggioranza e non sarà necessaria l’unanimità. Crediamo infatti che la ricerca di un parere uniforme nei comitati editoriali sia causa di un progressivo appiattimento delle proposte sul minimo comun denominatore. Non esistono membri permanenti del comitato di lettura. A turno ne faranno parte gli autori della casa editrice. Nessun autore potrà mai far parte del comitato di lettura incaricato di valutare il proprio manoscritto.

4

Siamo una coppia aperta
Gli autori non saranno costretti a sottoscrivere contratti pluriennali di esclusiva con la Autori Riuniti.

5

Si vive per scrivere, certo, ma nessuno vieta che si possa anche scrivere per vivere
Agli autori verranno corrisposti diritti d’autore più alti della media del mercato:
– Libro cartaceo: 12% sul prezzo di copertina
– Libro cartaceo venduto direttamente dalla casa editrice: 24% sul prezzo di copertina
– Ebook: 24% sul prezzo di copertina
– Ebook venduto direttamente dalla casa editrice: 30% sul prezzo di copertina

6

Questa è casa tua
Un autore che aderisce al collettivo Autori Riuniti diventa parte integrante del progetto. Potrà partecipare, in base alle proprie doti o alla propria professione, alla nascita dei libri degli altri autori, così come gli altri autori hanno fatto per la nascita del suo. Quindi partecipando a un comitato di lettura se ha la vena dello scopritore di talenti, oppure correggendo delle bozze se è un nemico giurato dei refusi, presentando i libri di altri autori nella propria città se è affetto da un elevato grado di estroversione ecc.

7

Tutto il resto è noia
Cerchiamo opere di qualunque genere letterario in cui siano presenti questi tre elementi: la storia, l’affabulazione, lo stile. Sarà una lunga ricerca.

8

C’è una vita da vivere
La Autori Riuniti non sprecherà mai le energie mentali dei propri autori per definire norme tipografiche di collana, l’eventuale uso
delle “d” eufoniche, delle virgolette alte o delle virgolette “a sergente”. Lasciamo volentieri che tali questioni rimangano parte saliente dell’ortodossia dei cosiddetti “professionisti dell’editoria”. Gli autori non saranno soggetti a una normativa uniforme di collana, ma potranno decidere le proprie norme e comunicarle all’autore incaricato di correggere le bozze.
Perché da noi comanda l’autore.

9

Tocca anche al lettore
Noi faremo sempre il possibile per emozionare il lettore, per fagli spendere il meno possibile, svegliarlo dal torpore, scandalizzarlo laddove sia ingenuo e ammorbidirlo laddove si sia inaridito. In cambio chiediamo al lettore solo di parlare (bene o male) dei nostri libri e dei nostri autori con intensità e passione. In fondo vogliamo solo che un libro non si riduca a semplice merce.

10

Non abbiamo idea di come andrà finire
Partiamo da una casa editrice, lo facciamo con l’intento di sperimentare, ri-elaborare, contaminare, ibridare. Alcuni esperimenti andranno a buon fine, altri si riveleranno utilissimi buchi nell’acqua. Probabilmente invaderemo ambiti non canonici, utilizzeremo media non per forza cartacei, saremo un agente culturale a tutto tondo. Comunque vada non vi avremo annoiato.